minestre estive

Le minestre della cucina italiana rientrano di diritto nella categoria dei tanto elogiati “piatti poveri” per eccellenza. Due in particolare, in questa nostra accaldata Sicilia, sono senza dubbio le minestre estive calde eppure davvero rinfrescanti e semplici da preparare che abbiate mai gustato.

La Lagenaria Longissima, cioè la zucca o zucchetta da pergola è la pianta che vi permetterà di preparare questi due primi piatti irrinunciabili; nota anche come zucca serpente di Sicilia, fornisce due elementi indispensabili alla cucina siciliana sin dal mese di maggio: le foglie, chiamate tenerumi e la cucurbitacea, cioè la zucchina.

Tanto croccante da cruda, quanto tenera e dolce, così come le bellissime foglie di un verde brillante, la zucchetta da pergola diventa minestra tagliata a dadini grossolani e cotta in abbondante acqua con pomodoro in pezzi, cipolla e patate, olio extra vergine di oliva e sale quanto basta, foglie di basilico a condimento.

tenerumi per minestre

 

Provvedete ad aggiungere una ricca spolverata di ricotta salata per completare il piatto con la giusta dose di sapidità.
Il formato di pasta è corto, anellini oppure, preferibilmente, i ditali: noi vi consigliamo quelli rigati, che trattengono più facilmente i sapori. Nella Valle dell’Alcantara la chiamano “pasta chi cocuzzi“, ma il nome varia leggermente a seconda del dialetto parlato.

Anche i tenerumi possono subire la stessa piacevole sorte oppure essere cotti in zuppe o spadellati con altri ortaggi: le cime forniscono le parti più tenere e in genere sono vendute a mazzi ricchi, allegri e decorativi.
La zucchina è molto lunga, può arrivare e superare anche al metro di lunghezza, con la buccia verde chiaro, talvolta ha le coste in evidenza, diversamente è liscia e contiene pochissimi semi.

Vi consigliamo di acquistare una ricotta salata non troppo stagionata: le grosse scaglie bianchissime che scenderanno sul piatto delle vostre minestre si scioglieranno col calore regalando al brodo una crema golosa che non dimenticherete facilmente. La ricotta salata può essere prodotta da latte di vacca, di pecora o di capra: a voi scegliere quale sapore aggiungere alle vostre minestre! Quasi una scelta di vita.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.